Archivio

Archivio Dicembre 2010

IL BLOG DI GIUSEPPE DI SALVO PROCLAMA PERSONAGGIO DELL’ANNO 2010 IL CORPO DEI MILITARI GAY AMERICANI! E BUON 2011 A TUTTI!

29 Dicembre 2010 5 commenti
Il giusto trionfo dei militari gay USA.

Il giusto trionfo dei militari gay USA.

NOSTRO PERSONAGGIO DELL’ANNO 2010: L’INSIEME DEI MILITARI GAY AMERICANI

Il nostro Blog proclama personaggio dell’anno 2010:  l’Insieme dei Militari Lesbiche e Gay Americani!

   Si tratta di  circa 13.500 persone in carne ed ossa che proprio nel mese di dicembre 2010 hanno trionfato, dopo tante folli discriminazioni, ottenendo dalla Camera dei Rappresentanti e dal Senato americano l’abrogazione dell’anticostituzionale legge DON’T ASK DON’T TELL (Non chiedere, non dire!?).

   Il loro essere venuti fuori con coraggio, in realtà, li onora. A questi militari gay e alle donne lesbiche dell’esercito americano andrebbe posta sul petto una meritata medaglia d’oro luccicante perché conquistata sul campo delle lotte per i diritti civili: una battaglia di libertà contro il male palese creato a loro danno dall’ipocrisia che anima le menti affette da omofobia. Onore anche al presidente Obama e a tutti quei militari americani non omofobi, uomini e donne, che hanno contribuito a fare trionfare il diritto uguale per tutti e, in definitiva, la vera Giustizia.

   VITTORIA! VITTORIA! VITTORIA!

Si tratta di un Corpo di circa 13.500 persone, uomini e donne, persone che hanno servito con onore l’Esercito USA e tutti gli Americani  -e non solo!-  senza demerito, ma che  sono state discriminate in quanto private del fondamentale diritto all’eguaglianza, diritto codificato per tutti i cittadini dalla Costituzione americana. La legge denominata “Don’t ask, don’t tell” era davvero priva di onore!

miliC

E auguri per il 2011 a tutti i nostri visitatori e lettori!

 

Bagheria, 29 dicembre 2010

Giuseppe Di Salvo

Salvatore Incandela

Pippo Rinella

Enza Ventimiglia

GIUSEPPE DI SALVO: SUONO DI DIO (POESIA INEDITA)

Giuseppe Di Salvo: Palermo 2006.

Giuseppe Di Salvo: Palermo 2006.

Il poeta

è pensiero,

riposa nella culla

con gambe che vagano.

Ascolta-

al piano-

note gravi ululanti

e terzine col timbro divino.

Canta la Nannini-

messaggera celeste

dalla raschiante voce:

scrosta ferite,

purifica il sangue

e le vie del cuore.

Fiorisce tutto

il giardino interiore…

Muove le labbra

il rancore

e l’ancia serra

di un oboe:

la catarsi ha pastoso

il suono

e i muscoli scioglie;

gli occhi-

i miei occhi-

sono foglie

con gocce di rugiada.

Il poeta? Eremo e silenzio,

suono di Dio:

in grazia muta

il veleno amico.

 

Bagheria 15/12/04

Giuseppe Di Salvo

GIUSEPPE DI SALVO: I MIEI “VERSI NATIVI” SUL “SETTIMANALE” DI BAGHERIA, UN MODO POETICO PER DIRE A TUTTI: “BUON INTIMO NATALE!”

24 Dicembre 2010 2 commenti
VERSI NATIVI

VERSI NATIVI

“Il Settimanale di Bagheria”, nelle edicole cittadine, pubblica la mia poesia “Versi Nativi”, già pubblicata in questo Blog nel dicembre 2006 col titolo “Alphi Versi Nativi”. E’ sempre verde. La riproponiamo per augurare a tutti un “Buon Intimo Natale”.

V E R S I    N A T I V I

 

Nel guardarti-

ora che rinasci-

si ripresenta-

agile gazzella-

il desiderio

e sul capo porta-

preziosa assai-

la corona di un re.

Antiche cantilene

scuotono gli ulivi

e le radici solcano-

nel ventre-

le assolate terre

del Sud.

Beate le mani

di chi verdi perle

raccoglie e frantuma

per poi mutarle

in denso olio:

sacro miscuglio bronzeo-

caldo e rappreso-

purificando-

su  estasiati corpi cola.

 

Ai piedi tuoi

che schiudono sentieri-

in appassionate orazioni-

prostrato io sarò

e seguirò-

fra inebrianti vigneti-

i vestigi del tuo amore

La voce è silenzio,

eco nelle fredde valli,

suoni borbotta nel mare

fra onde che s’alzano alte

con bianche creste in segno di saluto.

 

Se ti guardo

di gioia cantano

le ferite in me chiuse

Si rinnova la vita

e i lanci di rabbia

calciati o urlati   -o Generoso-

a me sempre rimetti

Scruto i tuoi segni

e d’intenderli spero

Sono in me

e d’impeto emetto

gorgheggi felici!                                                 

Bagheria, 30/11/06    

Giuseppe Di Salvo

Categorie:Argomenti vari Tag:

GIUSEPPE DI SALVO: L’INTER DA’ L’ADDIO AL PANCIUTO BENITEZ CON RITARDO! ARRIVERA’ IL BEL LEONARDO?

23 Dicembre 2010 2 commenti
Leonardo, allenatore dell'Inter!

Leonardo, allenatore dell'Inter!

Ecco cosa scriveva, fra l’altro, il sottoscritto su questo Blog il 31 novembre 2010:

“Benitez non è in grado di allenare l’Inter e i calciatori dell’Inter sembrano comunicare con la loro inettitudine che non amano essere allenati da Benitez. Come mai? Non lo sappiamo. Possiamo solo intuirlo: non hanno accettato di essere rimasti senza  la guida di Mourinho. Benitez non è stato percepito come valido sostituto. E i calciatori dell’Inter farebbero meglio a dire la verità o a tacere ogni fine partita giocata male, invece di invitare i tifosi a sperare inutilmente in vista del prossimo incontro. (… ) E ora? Quale giustificazione troverà Moratti? Forse ci dirà che tutti i calciatori dell’Inter sono stati colpiti da improvvise mestruazioni sì da non potere rendere come si deve? E che Benitez non aveva i pannolini pronti per tamponare la squadra stressata per queste improvvise perdite? E’ la peggiore Inter di questo ultimo lustro e certamente una delle peggiori Inter di tutti i tempi. Dopo la tredicesima giornata, cosa si aspetta ancora per un rinnovamento collettivo? Meno ipocrisia, dunque. E più dignità e gioco da offrire al calcio e ai preziosi tifosi.”

Scrivevamo ciò solo un mese fa. E ora Benitez ha lasciato l’Inter. Finalmente, diciamo noi. E non perchè vogliamo mancare di rispetto all’allenatore spagnolo. Ché anzi! Ma diciamolo senza peli sulla lingua: l’Inter, in campionato, aveva smesso di giocare. E i tifosi interisti come me desiderano che si vinca contro la Juve, contro la Roma, contro il Milan… L’essere Campioni del Mondo non incide sulle nostre menti e non modifica l’andamento non felice del campionato in corso. Quindi ci si è tolta una scarpa stretta. E tante inutili dichiarazioni ipocrite che facevano più danno del calcio mal giocato. Chi verrà ora? Leonardo? Staremo a vedere. Forse i calciatori dell’Inter non amano gli allenatori panciuti, vogliono volti lisci e invitanti: contenti loro, contenti tutti! Ma Moratti questo avrebbe dovuto capirlo molto tempo prima. Comunque noi apprezziamo la sincerità di chi, in questi sei mesi, e mi riferisco ai calciatori, ha saputo fingere o tacere. Del resto anche l’occhio vuole la sua parte. E i milioni di euro che se ne vanno per gli ingaggi? Noi non ci scandalizziamo: in casa Moratti scorrono come il nero petrolio e in ogni casa ognuno è libero di spendere (o investire) i suoi soldi come meglio vuole. Noi tifosi ci auguriamo solo di tornare a vedere il bel calcio. E tante eccitanti vittorie!

Giuseppe Di Salvo

Categorie:Calcio, Serie A, Sport Tag:

MAURIZIO TURCO: IOR, MEZZO SECOLO DI RICICLAGGIO DEI DENARI DEL MALAFFARE DELLA CRIMINALITA’ POLITICA E COMUNE!

L'onorevole Maurizio Turco

L'onorevole Maurizio Turco

Pubblichiamo questa interessante dichiarazione del radicale Maurizio Turco.

IOR: Maurizio turco: qualcuno sta inducendo il Papa a perseguire nelle pratiche che hanno caratterizzato lo IOR (per chiarezza: mezzo secolo di riciclaggio dei denari del malaffare della criminalità politica e comune)

Pubblicato il 22/12/2010, vedi  il sito “Radicali.it”

Secondo l’agenzia Apcom è in arrivo un “motu proprio” o un chirografo del Papa per rendere lo IOR più rispondente alle normative antiriciclaggio.
Per fare questo c’è un modo molto semplice estendere alla Santa sede (o anche al solo IOR) quanto previsto dalla Convenzione firmata dalla stessa Santa sede ma per conto dello Stato Città del Vaticano.

Naturalmente qualche furbastro ha pensato bene non solo di non farlo ma di tenere ben distinte le due situazioni.
Lo Stato Città del Vaticano – che non possiede un istituto attraverso il quale riciclare denaro – applicherà le normative europee e se le violerà si potranno denunciare alla Corte europea di Giustizia.

Mentre la Santa sede – che possiede un istituto attraverso il quale riciclare denaro – si farà una propria legge antiriciclaggio sulla quale vigilerà … la Santa sede. Lo scopo è chiarissimo: nel caso dovesse accadere che qualcuno venisse scoperto a fare operazioni illegali – cioè quelle per le quali è in corso una indagine a Roma – la Santa sede se ne lava le mani facendo un “processo” ai malcapitati.

Complimenti all’ingegnoso furbastro che sta inducendo il Papa a perseguire nelle pratiche che hanno caratterizzato lo IOR: mezzo secolo di riciclaggio dei denari del malaffare della criminalità politica e comune.

La questione non è rinviabile : la Santa sede sottoscriva la Convenzione esistente tra il vaticano e l’Unione europea (e consegni alla magistratura gli elenchi Dei titolari non religiosi di conti correnti anonimi con le relative operazioni effettuate).
Il tentativo di Gotti Tedeschi di fare una leggina interna da utilizzare come specchietto per le allodole dell’OSCE e del GAFI ha le gambe molto corte ed è anche una scelta molto patetica.

NOSTRO COMMENTO

Cosa volete che ci importi quanto afferma il papa sull’uso del preservativo. Noi decidiamo con molta autonomia che fare, non ci sentiamo per niente handicappati se non sentiamo quanto dice (e poi smentisce) il papa o chi per lui. Del resto, chi pensa di evolversi mentalmente leggendo i suo libri? Lo faccia pure chi ne avverte il sostegno: quanti? Certo è che i preservativi si vendono più dei libri del papa. E il segno è chiaro: predichi pure, ma noi ce ne freghiamo, con rispetto parlando da parte di chi ancora lo rispetta. Noi, lette queste dichiarazioni di Maurizio Turco, rispettiamo una sola cosa: l’intelligenza umana e non coloro che quotidianamente la vogliono manipolare, gerarchie vaticane in testa.  Lo IOR ricicla? Guardate bene le facce e gli anelli (ma anche le  non francescane scarpe!) dei vari gerarchi vaticani e ditemi: quanto loro sono ignari dell’alta funzione simoniaca della banca (anzi delle banche) vaticane? Il potere acceca e rende pazzi: e chi segue l’etica di questi ciechi al potere non è certo mentalmente tranquillo. Visto che è a giorni si festeggia il Santo Natale, occorrerebbe lanciare verso costoro il povero bue e l’asinello: darebbero a questi gerarchi pedate fra gli inguini come a dire: “Ma come mai avete usato in modo distorto i vostri coglioni?”

Giuseppe Di Salvo

GIUSEPPE DI SALVO: SCUOLA PRIMARIA GIUSEPPE BAGNERA, TRIONFANO GLI ALUNNI DELLA SECONDA A NELLA DRAMMATIZZAZIONE LAICA DEL SANTO NATALE

20 Dicembre 2010 2 commenti
Piove. Il cielo trabocca di tempesta. (Alceo)
Piove. Il cielo trabocca di tempesta. (Alceo)

Lunedì 20 dicembre, alle ore 9,00 in punto, nel salone “Anna Morreale” della Scuola Primaria Giuseppe Bagnera, gli alunni della Seconda A, guidati dall’insegnante Giuseppe Di Salvo, hanno rappresentato con ottima padronanza la “Drammatizzazione laica” relativa al Santo Natale: i genitori hanno tributato ai loro alunni-figli meritate ovazioni. La Dirigente Rosalba Bono, che ha assistito a tutta la “Drammatizzazione”, ha poi preso la parola e ha messo bene in evidenza gli aspetti didattici dell’  “Animazione Teatrale”, ha avuto parole di elogio sia verso gli alunni sia verso gli insegnanti. La Dirigente ha fatto notare l’importanza della partecipazione corporea, della mimica, delle sfumature dei vari canti e del come tutto ciò si ottiene quando si drammatizzano testi o canzoncine; ha  evidenzito anche che l’ “Animazione Teatrale” trasmette ben decodificati i contenuti, i messaggi presenti nei vari testi. Urla di “Bravo”, richieste di bis. Mirabile la collaborazione degli insegnati Antonella Bacchi, Vito Gagliardo, Rita Contino, Francesco Chiello. Poi ci si è spostati in aula per la giusta e meritata festa.

Tanti auguri a tutti,

Giuseppe Di Salvo

GIUSEPPE DI SALVO: ANCHE IL SENATO USA DICE SI’ AI GAY NELL’ESERCITO. L’AMERICA DI OBAMA TRIONFA NELLA BATTAGLIA PER I DIRITTI CIVILI!

19 Dicembre 2010 2 commenti
Benedetto sia Obama: ha voluto con forza questa nuova legge a favore dei gay!

Benedetto sia Obama: ha voluto con forza questa nuova legge a favore dei gay!

NEW YORK, 18 dicembre.  Lo avevamo previsto l’altro ieri quando abbiamo riportato il trionfante voto della Camera dei Rappresentanti americani. Oggi, con una ampissima maggioranza, 65 voti a favore e 31 contrari, il Senato degli Stati Uniti ha dato il via libera a una legge che riconosce appieno il diritto dei gay e delle lesbiche nelle forze armate americane. La nuova legge, che il presidente Obama intende firmare la prossima settimana, abroga la cosiddetta politica del ‘Don’t Ask Don’t Tell’ (non te lo chiedo ma non me lo dire), che ha regolato i rapporti all’interno delle Forze Armate Usa per circa 17 anni.
Così l’America di Obama trionfa per quanto riguarda i diritti civili dei militari gay che certamente si sono distinti nel servire il loro paese: cade così un altro pezzo di quella stupida maschera ipocrita che vuole i gay chiusi nel silenzio degli armadi. Viva, viva l’America, il Senato democrarico americano, e vivano anche quei Repubblicani non omofobi che si sono schierati per la civiltà. Lunga vita anche ad Obama che si accinge a firmare questa  nuova legge da lui fortemente voluta.

Giuseppe Di Salvo

16 DICEMBRE 2006 NASCEVA IL BLOG A GIUSEPPE DI SALVO INTESTATO: CENTINAIA DI MIGLIA DI CONTATTI CI SOLLETICANO DA TUTTO IL MONDO!

18 Dicembre 2010 5 commenti
GIUSEPPE DI SALVO A ISNELLO,NOVEMBRE 2010. SIAMO NEL MONDO E CREATURE LAICHE DI QUESTO MONDO!

GIUSEPPE DI SALVO A ISNELLO,NOVEMBRE 2010. SIAMO NEL MONDO E CREATURE LAICHE DI QUESTO MONDO!

Il 16 dicembre 2006, grazie a Salvuccio Incandela, uomo versatile e appassionato di tecnica, nasceva il Blog a Giuseppe Di Salvo intestato. Da allora il sito è stato gradualmente assaltato da centinaia  di migliaia di contatti da ogni parte del mondo: oltre 300.000. Da Palermo, Roma, Milano, Cagliari, Ivrea, Bagheria, Napoli…; dal Nord al Sud di questa splendida Italia i visitatori on line non solo ci seguono, ma ci fanno rilevare che è un piccolo Blog che contribuisce a generare “Tendenza”, e quindi cultura creativa e innovativa. Ma chi ci visita lo fa anche da ogni altra parte del Mondo: USA, Inghilterra, Francia, Spagna, Turchia, Giappone, Iran… insomma, da ogni angolo più remoto del nostro Pianeta. Chi entra sosta, legge, commenta, talvolta dissente e qualche altra volta ci corregge pure: segno di partecipazione attiva, della quale non possiamo fare altro che ringraziare.  Il fenomeno è davvero spettacolare, visto che noi siamo partiti dal nulla: non siamo un movimento politico rigidamente e alla Stalin organizzato, non abbiamo la notorietà mediatica dei monologhi alla Beppe Grillo, non siamo legati a potentati economici, ma siamo come dei piccoli Davide che lavorano e riversano la loro passione politica e culturale sulla rete: piccoli piccoli, ma in grado di raggiungere più di 20 lettori di manzoniana memoria. Il nostro intento non è quello di ammazzare Golia o i Golia (ché oggi sono tanti!): vogliamo solo contribuire, dalla nostra postazione, alla crescita culturale della società in cui viviamo per la gioia di tutti. Non siamo accecati, ma se le nostre visite sono in continuo aumento una ragione ci sarà: noi rileviamo semplicemente che con i nostri articoli facciamo certamente riflettere, contribuendo a spostare le menti di quanti ci leggono da luoghi mentali “comuni” ad altri “non comuni”: questo spostamento del pensiero è una vera piccola rivoluzione culturale che noi contribuiamo a determinare. E, del resto, non ci sono mancati riconoscimenti da parte di intellettuali di spicco come Eric Frattini o altri meno conosciuti.

E sono decine di  migliaia coloro che ci leggono e ci regalano tanto silenzio!

Continueremo imperterriti e ostinati, animati da questo spirito culturale che è la vera religione in cui crediamo, il vero nostro legame con esseri umani sparsi nel mondo, il vero modo laico, ed evangelico insieme, di STARE NEL MONDO IN QUANTO CREATURE LIBERE DI QUESTO TEMPO E DI QUESTO  MONDO!

Tanti auguri:

Giuseppe Di Salvo

Salvatore Incandela

Enza Ventimiglia

Pippo Rinella

 

GIUSEPPE DI SALVO: AL TEATRO POLITEAMA DI PALERMO L’ORCHESTRA SINFONICA SICILIANA, STASERA, ORE 21,15, OSPITA IL DUDUK E LA MUSICA ARMENA

Dmitri Ivanov: Ragazzo che suona il "Duduk".

Dmitri Ivanov: Ragazzo che suona il "Duduk".

Suonato da Gevorg Dabaghyan, musicista armeno,  il “Duduk”, strumento che rievoca le condizioni di vita dello stesso popolo, col suo timbro caratteristico che esprime insieme dolcezza e sofferenza, stasera sarà protagonista con l’Orchestra Sinfonica Siciliana, alle ore 21,15, al Teatro Politeama di Palermo. Il direttore d’orchestra, Karen Durgaryan, è pure armeno, sì come la la Sinfonia n° 2 un poco concertante per orchestra e Duduk (Prima esecuzione assoluta in Italia): la composizione, infatti, è stata scritta dal musicista armeno Vache Sharafyan. Si tratta davvero di una novità. Decisamente da non perdere!

Giuseppe Di Salvo

GIUSEPPE DI SALVO: GRANDE DRAMMATIZZAZIONE LAICA PER IL SANTO NATALE

17 Dicembre 2010 1 commento

“Siamo nel mondo, ma non del mondo” (Giovanni) 

Locandina-Invito riservata ai genitori degli alunni della II A

Locandina-Invito riservata ai genitori degli alunni della II A

Dal piovoso autunno al gelo dell’inverno

Il Teatro animato e visto dai bambini.

Il Teatro animato e visto dai bambini.