Archivio

Archivio per la categoria ‘BAGHERIA’

GIUSEPPE DI SALVO: GENIALI MENTI DI BAGHERIA: MAFIOSI NELLE PATRIE GALERE, PENTITEVI IN MASSA!!!

foto di IlBlog Giuseppe Di Salvo.GIUSEPPE DI SALVO

GENIALI MENTI DI BAGHERIA: MAFIOSI NELLE PATRIE GALERE, PENTITEVI IN MASSA!!!

Bagheria è una città ricca di menti geniali. Non ho studi statistici da mostrare, ma ho l’intuito e il fiuto dei peripatetici, un dono divino. Camminare per le vie di Bagheria giova alla salute, si dà energia alla circolazione sanguigna, si ravviva la catena dendritica, diviene agile la mente. Le persone che si incontrano per la strada o dentro i bar svettano per ironia ed intelligenza. Noi ne cogliamo di tre tipi essenziali (ma non mancano sfumature e variazioni).
Primo tipo di intelletto: è quello artistico e determina geni; ciò comunque non vuol dire che l’artista pensi sempre bene sulle vicende politiche, economiche e sociali. E non sempre costoro sono dotati di coraggio, di tanto opportunismo sì!
Secondo tipo di intelletto “geniale”: è quello di chi si dedica al crimine; e talvolta vi si trova -fra tanta ignoranza e forza brutale- qualche mente dotata di buon senso; certo si distingue per la tanta omertà (ma chi non è omertoso?) e per lo smisurato coraggio: chi è capace di attuare efferati omicidi o azioni criminali, esterna sentimenti antisociali ed è certo negato per la convivenza civile, ma il coraggio è là!
Il terzo tipo di intelletto: è quello delle persone che comunemente vengono definite “pazze”; sono, come tutte le creature diversamente abili, degne di rispetto e di amore, ché non è bello avere a che fare con la psichiatria e con gli psicofarmaci. Bagheria raggruppa simbolicamente questi tre tipi di intelletto con le immagini statuarie dei “mostri” di Villa Palagonia. Perchè dico ciò? In riferimento agli ultimi fatti di mafia, andando in giro, i cittadini di Bagheria, “pazzi” compresi, si sono dimostrati più “saggi” di quanto potessi pensare. Una donna mi ha detto: “Succedono cose surreali a Bagheria; pagare il pizzo è cosa ingiusta, è un atto di prepotenza che toglie dignità alle persone che subiscono vessazioni; ma sono diversi gli imprenditori -quanto costretti?- che hanno fatto affari con le mafie; e ora si apprezza la loro reversibilità di pensiero: si adattano pirandellianamente alle nuove circostanze e, visto che i pentiti di mafia parlano, molti imprenditori trovano il coraggio di denunciare i vessatori e, quindi, spostano i loro interessi riversandoli nei canali della più onorevole antimafia”.
E’ come dire: questa è la nostra Giustizia. E allora? Occorre elevare alto il grido del catartico pentitismo e dire: MAFIOSI CHE GIACETE NELLE PATRIE GALERE, PENTITEVI IN MASSA! Sarebbe un atto di generosità e di… libertà! E avremmo il Quarto Tipo di Intelletto. Perché privarcene se, anche in questo caso, machiavellicamente il fine giustifica i mezzi?
Giuseppe Di Salvo
Categorie:BAGHERIA, politica Tag: