Archivio

Archivio per la categoria ‘MAFIE PARTITOCRATICHE’

GIUSEPPE DI SALVO: LIBERO GRASSI E LO STATO DI DIRITTO: VERA ANTIMAFIA!

LIBERO GRASSI E LO STATO DI DIRITTO: VERA ANTIMAFIA!
Aiuta molto, in pieno regime renziano, vedere toccanti documentari trasmessi da RAI1 dedicati alla nobile rivolta antimafiosa di Libero Grassi, rivolta di 25 anni fa pagata con col suo sangue…
Ma in cosa ci aiutano queste trasmissioni? A farci capire le metamorfosi del potere mafioso. Di questo potere mafioso si può cantare l’estraneità di molte banche e della partitocrazia ancora oggi dominante? Già le metamorfosi! Aspetti illusionistici per dirci: -Si commuovino i cuori (illusione di cambiamento) perchè il Potere mai, nella sostanza, cambi: ché anche i “pizzi” si rinnovano! E la mafia si coniuga sempre col verbo essere e col suo participio passato che, questa volta, non citiamo: chi conosce la grammatica conosce il potere, il metapotere e le sue metamorfosi! Vere altre metastasi.
Giuseppe Di Salvo

GIUSEPPE DI SALVO: COME AGIRE PER FARE PERDERE A ROMA IL MOVIMENTO CINQUE STELLE.

COME AGIRE PER FARE PERDERE A ROMA IL MOVIMENTO CINQUE STELLE.
Solo chi non legge ciò che pensano gli “amici” o i “nemici” su un dato argomento resta politicamente spiazzato quando finisce per trovarsi innanzi a imprevisti cambiamenti di rotta: alludiamo al comportamento dei parlamentari pentastellati a proposito del voto sulle Unioni Civili. Chi nelle ultime settimane ha visitato il Blog del comico? In ispecie in quest’ultima, nel corso della quale si svolgeva il dibattito generale al Senato sul DDL Cirinnà? Bene, qualsiasi giusta flatulenza espressa da qualche pentastellato sulle banche trovava visibilità nel Blog del comico. E ogni arresto di qualche esponente del PD pure. Ma non c’è stato mai spazio per un post di qualche senatrice pentastellata che ha parlato a favore del DDL Cirinnà, articolo 5 compreso, vale a dire quello sull’adozione del figliastro. Noi non abbiamo sentito nessun dissenso. Ma tanto silenzio, sì! Come mai? La presunta “libertà di coscienza” oggi vomitata dal comico era stata cinicamente premeditata: e tutta la masnada apparentemente abbottonata certamente lo sapeva. Solo gli imbecilli possono fare i finti tonti. E allora? Riflettiamo: dopo Quarto, Fico viene convocato dalla Commissione Antimafia. Lo abbiamo sentito a Radio Radicale: parla con abile libertà di coscienza. Ora ci sono altre coscienze che vogliono essere libere. E sia. A noi non resta che allargare questa coscienza, renderla più libera. Alle prossime elezioni romane (lì Grillo conta di vincere?!) s’invitino tutti gli elettori, gay e non, a far rivelare ai candidati cosa pensano dell’articolo 7 della Costituzione, quello che dà tanti soldi alla Città del Vaticano. Chi non si esprimerà con convinzione non deve essere votato; poi si scelga un altro criterio: si voti a Roma per quel partito che voterà compatto il DDL Cirinnà al Senato. E vedrete che anche la nostra gaia “LIBERTA’ DI COSCIENZA” farà perdere le elezioni romane al M5S. E in caso di ballottaggio? Per i nemici chiari e non per i traditori!

Giuseppe Di Salvo

GIUSEPPE DI SALVO: PSICONAZISTI, FASCISTI, CLERICALGENDER, DEM(enti!) DI OGNI GENERE MANIFESTANO A FAVORE DELLA RAZZA ARIANA PARLAMENTARE. E CONTRO I FROCI! IPOCRITI!

PSICONAZISTI, FASCISTI, CLERICALGENDER, DEM(enti!) DI OGNI GENERE MANIFESTANO A FAVORE DELLA RAZZA ARIANA PARLAMENTARE. E CONTRO I FROCI! IPOCRITI!
Psico-nazisti, fascisti annidati in molte sigle parlamentari, Dem, ossia dementi cattonazisti della peggiore specie, clericalgender lobotomizzati, ossia sudditi imbecilli senza possibilità di recupero, oggi, di fatto, manifestano contro gli omosessuali e per la razza ARIANA PARLAMENTARE. E sapete perchè? Tutti i Parlamentari hanno… i privilegi legati alle Unioni Civili che da 30 anni negano ai cittadini che considerano subalterni e sudditi. I veri democratici sappiano che questi signori neonazisti sono nostri dipendenti; in Parlamento ce li mandiamo noi col voto, ché nostra è la sovranità popolare. Il Family Sghei (e non Day!) non sta manifestando contro la RAZZA ARIANA PARLAMENTARE CHE GIA’ GODE DI QUESTI PRIVILEGI, manifesta semplicemente contro i froci: dell’ostentato inutile rispetto di questi neonazisti il Nostro Sacro Tempio non sa che farsene. Almeno avessero le palle di dichiararsi neonazisti al pari dei fanatici dell’ISIS; e mi auguro che sia il paleofascista Gasparri a guidare una manifestazione contro i criminali dell’ISIS. I veri democratici non aspettano l’Arcigay, operano ed espandono i diritti per tutti. Alle prossime elezioni vi manderemo tutti in un cantuccio, vi faremo vedere le stelle!!! TANTE.

foto di IlBlog Giuseppe Di Salvo.

foto di IlBlog Giuseppe Di Salvo.

GIUSEPPE DI SALVO: IL FAMILY SGHEI (E NON DAY) E’ CONTRO LE PERSONE OMOSESSUALI, NEONAZISMO CON LINGUAGGIO CANDEGGIATO!

IL FAMILY SGHEI (E NON DAY) E’ CONTRO LE PERSONE OMOSESSUALI, NEONAZISMO CON LINGUAGGIO CANDEGGIATO!
Luogo comune di chi con lingua passata nella candeggina ipocritamente dice: “Il Familly Sghei (e non Day!) non è contro le persone omosessuali, ma per il diritto del bambino ad avere un padre e una madre”. Mi chiedo: forse stanno pensando anche ai piccini orfani di madre o padre o di tutti e due o alle ragazze madri? Si tratta di idiozie naziste post-freudiane. Gli è che costo…ro sono contro ogni diritto per gli omosessuali e non hanno il coraggio di dirlo, sono vil razza dannata che presentano una logica discorsiva vomitevole e ricca di volgari espressioni standard.
La prova? Se da oltre 30 anni in Italia non è passata nessuna legge per le Unioni Civili anche per i gay (indipendentemente dell’adozione del figlio del partner), vuol dire che del diritto e del CONCETTO DI DEMOCRAZIA questi neonazisti clericalgender non conoscono neanche la fonte. Sono neonazisti: punto e basta.
I MIEI ALTI POLPACCI PENSANO MEGLIO DI TANTE LORO LOBOTOMIZZATE TESTE. ANCHE QUANDO ESSI SONO IN ERUZIONE!

foto di IlBlog Giuseppe Di Salvo.

GIUSEPPE DI SALVO: RIFLESSIONI DI UNO SPROVVEDUTO BAGHERESE ERRANTE SUGLI ULTIMI ECLATANTI EPISODI DI PIZZO, MAFIA, PENTITI E IMPRENDITORI IN AZIONE!

foto di IlBlog Giuseppe Di Salvo.GIUSEPPE DI SALVO

RIFLESSIONI DI UNO SPROVVEDUTO BAGHERESE ERRANTE SUGLI UTIMI ECLATANTI EPISODI DI PIZZO, MAFIA, PENTITI E IMPRENDITORI IN AZIONE!

BAGHERIA, GLI IMPRENDITORI, LE MAFIE PARTITOCRATICHE E IL PIZZO! E LE VESSAZIONI SI STATO!

A Bagheria, prima dell’avvento del Movimento Cinque Stelle, tutti i lavoratori bagheresi sono stati vessati col “pizzo” di Stato: infatti tutti i cittadini pagano le aliquote massime dell’irpef comunale per il dissesto economico in cui è caduta la città grazie alle partitocratiche amministrazioni. Per non parlare della tassa sui rifiuti solidi urbani aumentata negli anni di oltre il 100%. E DELLE ALTRE TASSE ORCHESTRATE DAL GOVERNO MONTI DA NESSUNO ELETTO!

 Da alcuni anni in città governa il Movimento Cinque Stelle. E ora il sindaco Patrizio Cinque vuole ridurre del 10% la tassa sull’immondizia. L’economia è in crisi. I pentiti delle varie mafie collaborano con la Giustizia. I commercianti si ribellano. Seguono decine di arresti. Viva! Ma come mai non viene arrestato nessuno per il dissesto visto che lo Stato, questo Stato, consente discriminazioni da città a città nella trattenuta delle tasse? E’ forse ciò costituzionale? Quanto queste ultime persone arrestate sono diverse da quelle che hanno provocato il dissesto economico della città? Ad ogni cittadino bagherese il dissesto economico della città costa centinaia di euro in più all’anno! Come frenare e arginare questo “pizzo” di Stato? Ci siamo ribellati col voto. Continueremo a farlo! SIA RIVOLTA CONTINUA!!!

PROPAGANDA BEN ORCHESTRATA

Una serie di arresti a Bagheria? Anche Radio Radicale,  con Massimo Bordin, cade nella trappola mediatica: è la storia ripetuta di persone già arrestate, in quanto i nuovi arresti pare siano solo poche unità. La novità? E’ nei commercianti che si ribellano e, dopo aver a lungo pagato, ora finalmente parlano e collaborano! Ma non si sottovaluti un fatto: parlano anche tanti pentiti. A chi ormai converrebbe tacere al cospetto della Giustizia! Ma quante volte un cittadino deve pagare in questo Paese?

QUANTE LOTTE ALLE MAFIE! DECENNI DI LOTTE. COME MAI SOLO QUELLE FOTO? NON RIESCO A CAPIRE!

 Su “La Repubblica” di  martedì 3 novembre 2015, pagine palermitane, si leggono notizie inquietanti relative alle estorsioni subite da oltre 20 anni da decine e decine di imprenditori bagheresi; si riportano dichiarazioni dell’imprenditore Mimmo Toia, ora non è più, con accuse nei confronti di qualche ex sindaco che ospitava quotidianamente al Comune qualche noto esponente di Cosa Nostra; ebbene, ricordo male o no: quel Consiglio Comunale non venne sciolto per presunte infiltrazioni mafiose? Chi ha mai pagato per reati mafiosi? Quale politico bagherese è stato mai processato e incarcerato per reati legati alla mafia? E che dire delle varie gestioni del Comune da parte dei commissari? E dello scioglimento della successiva Giunta del sindaco Valentino? Desidererei sapere  -mi si aiuti, di grazia!- nel corso delle varie gestioni dei commissari chi si aggiudicava gli appalti in città? Se molti imprenditori rivelano di pagare il pizzo da un quarto di secolo, occorre dire che qualcosa non quadra. Si elogino i coraggiosi che sanno andare dai Carabinieri per denunciare vessazioni ed estorsioni. Le imprese devono essere “pulite”, libere: e non c’è libertà se si è condizionati sia nell’assumere persone da altri imposte sia se si è costretti a pagare “tasse mafiose”: di fatto l’imprenditore non è più padrone della sua impresa. Cosa orrenda! Ma come mai tutto ciò si è permesso per un quarto di secolo? E come mai le Mafie da sempre, o da giacché io sono nato, hanno regnato in Sicilia? Quante altre persone, anche delle varie nostre istituzioni, dovrebbero fare compagnia nelle patrie galere a quelle persone le cui foto, non belle foto, vengono pubblicate in serie dai quotidiani di Zona Nostra e d’altri? E come deve essere rinnovata l’Antimafia?

   Di grazia, aiutatemi a capire: si chiede aiuto e chiarimento, nel segreto, anche a chi sa offrire chiarimenti o servizi più che segreti! Per secretarli nei secoli dei secoli.

Bagheria 4 novembre 2015

Giuseppe Di Salvo

GIUSEPPE DI SALVO: 45 MILIONI LE FAMIGLIE PARTITOCRATICHE SE LI VOTANO IN UN LAMPO. E DI TUTTE LE FAMIGLIE VERE SE NE FOTTONO!

La partitocrazia, nella  serata del 14 ottobre 2015, è stata tutta impegnata a votarsi e quindi ad approvarsi immediatamente il finanziamento pubblico, cioè a fottere soldi agli Italiani; e tanti di questi onorevoli personaggi hanno solo orecchie per correggere l’uso linguistico di un pentastellato che, opponendosi al disegno refurtivo della maggioranza e associati, non ha saputo usare il congiuntivo; ma una regola grammaticale usata male non saccheggia i soldi dei cittadini italiani; chi la corregge non si accorge di emettere scorregge sfacciate in completa dissonanza con le esigenze economiche italiane e a danno degli stipendiati e dei pensionati e dei disoccupati. Questa è, in definitiva, l’unica vergogna, orrore che ci imbarazza.

I partiti della partitocrazia si sono quindi approvati in un lampo la legge truffa per fottersi senza controlli 45 milioni di soldi pubblici. Come amate le famiglie, nevvero clericalgender Alfano?

Giuseppe Di Salvo