Archivio

Archivio per la categoria ‘RADICALI’

GIUSEPPE DI SALVO: IL DIVORZIATO BEPPE GRILLO, I RADICALI E LE LOTTE DI CIVILTA’

LE MOSSE TATTICHE SQUILIBRATE DI BEPPE GRILLO E LA CECITA’ DEL POTERE CHE LO ACCECA
Beppe Grillo attacca con parole insensate i Radicali che da anni non sono più nel Palazzo. Attacca una forza politica minoritaria che propone o appoggia Leggi di civiltà, come il ddl sul testamento biologico votato alla Camera anche dai suoi parlamentari pentastellati. La Legge ora deve passare al Senato. Che fa Grillo? Esprime volgari flatulenze per confondere le acque, pensado di acciuffare il voto cattolico (quello dei cattolici più fanatici e oltranzisti che di disgrazie se ne intendono).
Dice in modo non comico, anzi penoso:
-Dove ci sono disgrazie ci sono loro, referendum per morire, per divorziare (che è comunque una fine), per uccidere o aiutare ad uccidersi ci sono loro, i radicali? ma perché? Non li ho mai capiti, la loro ideologia è la fine.
**********
Questo non pensiero è stato confusionale per confondere.
Per quanto rigurda i Diritti Civili, i Radicali hanno espresso sempre, e con coraggio e in modo coerente, sempre Leggi di dignità. Anche l’Italia oggi è in “digrazia politica” e ci sono tanti pentastellalti candidati per cercare di volgere in grazia la disgrazia. Grillo sa che il ddl sul testamento biologico, probabilmente, passerà anche al Senato indipendentemente da come si comporteranno i senatori del M5S. Anche Grillo, comunque, da tempo (lo ha già fatto col la Legge Cirinnà) mostra di essere accecato dal potere ancora non conquistato dal suo Movimento. L’irrequieto personaggio, che non fa più ridere, non ha capito una cosa: milioni di persone che votano per il M5S stanno semplicemente usando il Movimento in funzione antipartitocratica. Poi, e non ci sarà bisogno dei Radicali che elettoralmente non contano nulla, useranno per lui la pattumiera come ogni cosa bene usata nel corso di qualche tempo. Questo merita: cominci a saperlo, se proprio non l’ha ancora capito. E lo dice uno, fra tanti milioni d’Italiani, che per ora vota per il M5S. Per ora, appunto!
Anche i Radicali non lo sanno attaccare: Grillo non ha “suoi eletti”, Grillo ha semplicemente un voto in transito grazie agli errori della partitocrazzia, in ispecie quella di sinistra prostrata ai potenti e alle banche e ai banchieri. Come mi diverte tutto ciò!
Giuspeppe Di Salvo